Grande Castagnata al Forte - 13 novembre ore 14.30

Le volontarie e i volontari della Piuma vi invitano alla tradizionale castagnata nello splendido scenario del Forte Tenaglie, un momento di convivialità, conoscenza e sostegno ai progetti sociali e di recupero in corso. Appuntamento sabato 13 novembre dalle ore 14.30 presso il Forte Tenaglie (via al Forte Tenaglia 24 su Maps).
Per questo tipo di evento è necessario il green pass.

https://www.facebook.com/events/233890288727595

 
 
La Casa Famiglia fino ad oggi si è servita per gli spostamenti di un pulmino da 8 posti, acquistato nel 2009 con una raccolta fondi, che ben presto si è rilevato insufficiente: il numero dei componenti infatti si è attestato intorno alle dieci persone e spesso per la gravità e delicatezza delle situazioni accolte, durante gli spostamenti è necessario l’accompagnamento di altri adulti, oltre a Laura ed Emilio. 

Data anche l’età e il chilometraggio dell’attuale pulmino, si è reso così necessario pensare ad un mezzo nuovo, più attuale nella motorizzazione e nella dotazione di sicurezza, e soprattutto più adatto al contesto particolare della Casa Famiglia.
Il mezzo scelto è il Ford Transit L3 H2 15 posti, che verrà allestito da un'azienda di fiducia per le esigenze della Casa Famiglia.

Ma cos'è la Casa Famiglia? E’ il progetto storico dell’Associazione La Piuma. Avviato nel 2006, è una famiglia in cui Laura ed Emilio (soci fondatori e volontari) insieme ai loro figli accolgono nella casa in cui vivono alcuni bambini e ragazzi (da zero a 18 anni) che non possono restare con le loro famiglie naturali. L’intento è quello di unire l’essenza della famiglia fatta di relazione e affetto nella quotidianità alla professionalità ottenuta coi curricula di studi, l’esperienza e la collaborazione di una educatrice professionale dipendente, per farne uno strumento di aiuto e accompagnamento.
In questi anni sono stati accolti 25 bambini.
La Casa Famiglia La Piuma è accreditata presso il comune di Genova e autorizzata al funzionamento, si avvale dell’aiuto dei numerosi volontari dell’associazione, le famiglie allargate di Laura ed Emilio, diversi professionisti tra cui psicologi, pediatri e neonatologi.

Dal 2015 la Casa Famiglia si è insediata presso il Forte Tenaglie, un luogo meraviglioso sulle alture di Genova, all’interno del progetto ben più ampio “Forte insieme!” di recupero, valorizzazione e restituzione alla cittadinanza di uno dei Forti della cinta muraria genovese. I bambini della Casa Famiglia hanno trovato nel Forte un’opportunità straordinaria e un’occasione di crescita e aiuto, soprattutto durante il periodo di lockdown dovuto alla pandemia.
 
 

ALTRI MODI PER DONARE

Bonifico su IBAN IT98 D061 7501 4000 0000 6560 180
con causale: raccolta fondi pulmino
 
In contanti con offerta presso uno degli eventi dell'Associazione al Forte Tenaglie.
12 dicembre, Passeggiata Sociale al Forte Tenaglie

 
***PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA***
 
Un Porte Aperte itinerante, all'aria aperta, nel rispetto delle precauzioni e delle distanze fisiche. Un giro guidato del Forte Tenaglie, dei suoi ambienti storici e naturalistici, per conoscerne la storia passata e presente, i progetti e l'impegno dell'Associazione La Piuma, l'attività di recupero e riapertura. Un'occasione per goderne i prati e il panorama sulla città.
Le offerte libere raccolte ci consentiranno di proseguire il recupero e la manutenzione del forte nonostante i mesi di chiusura e gli eventi annullati.
IN CASO DI SOLD OUT PRENOTAZIONI, APRIREMO LE PRENOTAZIONI PER UNA SECONDA PASSEGGIATA ORE 15.00.
 
***
 
PRECAUZIONI
L'accesso è contingentato per un massimo di 30 persone (famigliari conviventi esclusi dal conteggio). PRENOTARSI indicando nominativi e numero di persone via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o via whatsapp a +39 349 4369899 entro la sera prima.
All'ingresso sarà obbligatorio igienizzare le mani e indossare la mascherina per tutta la durata della visita.
Saranno accessibili esclusivamente i WC esterni, che un volontario si occuperà di igienizzare ad ogni utilizzo.
 
***
 
COME ARRIVARE
Il modo più ecologico? Arrivare a piedi! Puoi salire:
da Principe (Salita San Rocco + Salita Granarolo + Via B. Bianco)
da Dinegro (Salita degli Angeli)
da Sampierdarena (Salita al Forte Crocetta)
da Certosa (sentiero da Giardini di via Mansueto > Porta di Granarolo)
da Righi (Circuito Fitness Attrezzato + via al Forte Begato).
Con autobus 38 fino a capolinea Granarolo + 10 minuti a piedi.
Con cremagliera Principe-Granarolo + 15 minuti a piedi.
Con autobus 355 da piazza Pestarino fino a fermata Bianco 5 (2603)
Con autobus 66 da Dinegro fino a fermata Via alle Mura di Porta Murata
In auto/moto fino all'inizio dello sterrato su via Bartolomeo Bianco.
Sostieni il progetto Agrilegalità! E battiamo i Decreti inSicurezza

Care Socie e Soci della Piuma, amici e sostenitori, come sapete tra i progetti più significativi che hanno trovato casa al Forte in questi anni c’è stato Forte Senza Frontiere, che ci ha permesso di coinvolgere nel recupero degli spazi del Forte Tenaglie diversi fratelli migranti in borsa lavoro, seguiti dall’Ufficio Migrantes della Diocesi di Genova.

Diciamo con rammarico “c’è stato” perché come in tante innumerevoli realtà, anche noi abbiamo visto chiudersi ogni possibilità di continuare questa esperienza di relazione ed inclusione, a causa dei cosiddetti Decreti Sicurezza voluti dall’ex Ministro Matteo Salvini.

Sapete bene che qui al Forte non abbiamo bandiere politiche o ideologiche, ma ci siamo sempre basati sulla relazione, sull’opportunità, sulla scommessa che la pace, l’armonia e la fratellanza si costruiscano lavorando insieme, accogliendo, fidandosi e investendo nel costruire, più che nel distruggere. Nel camminare “con”, più che nell’andare “contro”.

E’ così che da qualche mese ci interroghiamo su come poter riprendere questo “ponte”, questo strumento di conoscenza reciproca e di inclusione, per dare dignità e opportunità a chi arriva da lontano in cerca di futuro.

Oggi abbiamo individuato, grazie al prezioso lavoro di Migrantes e don Giacomo Martino, uno strumento concreto, che ci consentirebbe non solo di accogliere nuovamente al Forte alcuni migranti per lavorare con noi, ma anche di favorire la loro regolarizzazione attraverso l’assunzione in un progetto agricolo: AgriLegalità, guidato dalla Cooperativa Agricola Un’Altra Storia.

E’ un’occasione importante e un segnale ancor più forte della concretezza che deve avere per noi Piuma la parola “accoglienza”, che diventa strumento per recuperare le bellezze e le eccellenze del nostro territorio. Un riscatto per la nostra terra, oltre che per le persone (tutte, anche chi pensa che sia meglio escludere qualcun altro).

Cosa vi chiediamo? Di sostenere per 6 mesi l’assunzione di un migrante come lavoratore agricolo, destinando 5, 10 o 30 euro al mese - a vostra scelta - perché una persona possa essere introdotta nel mondo del lavoro, e fare di conseguenza domanda di regolarizzazione in base alla "sanatoria" in corso.

A seconda delle adesioni, saremo in grado di favorire l’inclusione lavorativa di un numero maggiore di persone, e di riprendere quello scambio fruttuoso di esperienze, culture e lavoro collettivo qui al Forte Tenaglie.

Insieme possiamo battere i Decreti in-Sicurezza, che hanno avuto soltanto l’esito di “sbattere in strada” e far diventare “invisibili” senza diritti migliaia di persone che erano già avviate nella formazione, nel lavoro, nell’integrazione piena per contribuire da cittadini alla crescita della nostra società e del nostro patrimonio sociale. Offrendo 6 mesi di lavoro ad un migrante, gli garantiamo il diritto ad altri 12 mesi di tempo per stabilizzarsi ulteriormente a livello lavorativo.

Fare le cose alla luce del sole, con una visione concreta e dignitosa, è l’unica Sicurezza di cui abbiamo bisogno: la sicurezza di restare umani, e di crescere tutti insieme in un mondo che non viva di paure e di esclusioni.

In allegato il volantino con le indicazioni su come fare. Abbiamo pochi giorni prima della scadenza dei termini di regolarizzazione. Aiutaci subito!

 

Effettua la tua donazione in un unico versamento a 

Cooperativa Un'Altra Storia

IBAN: IT91V0306909606100000160168

Causale: Donazione Progetto Agrilegalità

 

 

Fase 2, passeggiata sociale al Forte Tenaglie

 

***PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA***

Un Porte Aperte itinerante, all'aria aperta, nel rispetto delle precauzioni e delle distanze fisiche. Un giro guidato del Forte Tenaglie, dei suoi ambienti storici e naturalistici, per conoscerne la storia passata e presente, i progetti e l'impegno dell'Associazione La Piuma, l'attività di recupero e riapertura. Un'occasione per goderne i prati e il panorama sulla città, dopo i mesi di chiusura forzata.
Le offerte libere raccolte ci consentiranno di proseguire il recupero e la manutenzione del forte nonostante i mesi di chiusura e gli eventi annullati.

https://www.lapiumaonlus.org/
***

PRECAUZIONI
L'accesso è contingentato per un massimo di 30 persone (famigliari conviventi esclusi dal conteggio). PRENOTARSI indicando nominativi e numero di persone via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o via whatsapp a +39 349 4369899 entro la sera prima.
In caso di prenotazioni superiori al numero, valuteremo se replicare la visita al pomeriggio.
All'ingresso sarà obbligatorio igienizzare le mani e indossare la mascherina per tutta la durata della visita.
Saranno accessibili esclusivamente i WC esterni, che un volontario si occuperà di igienizzare ad ogni utilizzo.
***

COME ARRIVARE
Il modo più ecologico? Arrivare a piedi! Puoi salire:
da Principe (Salita San Rocco + Salita Granarolo + Via B. Bianco)
da Dinegro (Salita degli Angeli)
da Sampierdarena (Salita al Forte Crocetta)
da Certosa (sentiero da Giardini di via Mansueto > Porta di Granarolo)
da Righi (Circuito Fitness Attrezzato + via al Forte Begato).

Con autobus 38 fino a capolinea Granarolo + 10 minuti a piedi.
Con cremagliera Principe-Granarolo + 15 minuti a piedi.
Con autobus 355 da piazza Pestarino fino a fermata Bianco 5 (2603)
Con autobus 66 da Dinegro fino a fermata Via alle Mura di Porta Murata

In auto/moto fino all'inizio dello sterrato su via Bartolomeo Bianco.